Un pensiero su “#Glocal- Kenya e legge di bilancio

  1. Una certa propaganda politica ha portato a identificare i migranti e i neri in generale come il Nemico. Di conseguenza chiunque collabori con loro, da don Biancalani a Silvia Romano, è perfino peggiore del Nemico stesso, perché ha tradito il suo popolo e quindi si meriterebbe un bel viaggio ad Auschwitzland. Accoglione infame, per te solo lame: questo il pensiero medio di chi è stato plagiato da tale propaganda.
    Purtroppo a fare da contraltare e da antidoto a tutta questa monnezza non c’è una propaganda di segno opposto altrettanto efficace: infatti dall’altra parte abbiamo la stucchevole retorica con cui una parte della sinistra vorrebbe convincerci che l’immigrazione di massa nel nostro paese è stata una gran botta di culo, e dovremmo festeggiarla unendoci tutti in cerchio a cantare We are the world.
    La verità? Sono demenziali entrambe le posizioni. Mi piacerebbe che sul tema dell’immigrazione e degli aiuti umanitari si potesse discutere con equilibrio, evitando sia la visione manichea per cui noi siamo il bene e i migranti il male, sia quella altrettanto ridicola in base alla quale dovremmo stappare lo spumante per l’arrivo dei migranti, perché sono delle preziosissime risorse che ci pagheranno la pensione. Ma parlare di equilibrio in questo periodo storico, caratterizzato da un imbarbarimento e da un’incazzatura della popolazione mondiale con pochi precedenti nella storia, mi rendo conto benissimo che è pura utopia.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...